Il segreto per scattare foto notturne perfette

04-07-2012

Al termine della giornata, quando il sole pone fine al suo raggiante percorso, il cielo cambia colore a ogni attimo e l'oscurità si riempie di meravigliosi colori vibranti. Le luci della strada iniziano ad accendersi una a una per illuminare le caratteristiche principali della notte, dando vita a uno scenario completamente diverso da quello visibile di giorno.

Quali conoscenze consentano al fotografo professionista di immortalare in bellissime foto queste meravigliose scene notturne? Di seguito trovi esposti alcuni di questi segreti.

Cosa c'è di diverso nello scattare foto di notte? Quando prendi una fotocamera ed esci di casa dopo il tramonto, cerchi di puntare il tuo obiettivo qui e lì nell'atmosfera creata dalle luci vibranti tra le ombre scure della notte. Tuttavia, sfortunatamente (e come prevedibile) i risultati non sono così luminosi. Inoltre, a differenza delle foto scattate durante il giorno quando la luce è forte, vi sono diversi ostacoli invisibili che ti aspettano quando tenti di scattare foto notturne.

La quantità di luce che a malapena rivela lo sfondo, l'eccessivo contrasto tra aree illuminate e non illuminate, la lunga esposizione necessaria, il rumore, per non parlare poi della miscela delle varie luci indesiderate che provengono da ogni punto con dei colori mai visti prima, oltre agli oggetti mossi e sfocati... Ci sono tanti problemi che bisogna risolvere per scattare una foto notturna soddisfacente. Ma volere è potere. Inoltre, piuttosto che considerare questi problemi come ostacoli, forse potresti trarne vantaggio. In questo modo, puoi creare foto con l'atmosfera e le caratteristiche peculiari e realmente distintive della notte. Scopri qualche trucco grazie ai membri di "Night View", il club degli specialisti delle foto notturne.

Articoli forniti da "www.nightview.co.kr"

Fotografia astronomica

Scritto e con fotografie fornite da Jaehong Chung (Nickname: pimpman)

Nonostante l’astrofotografia sia un campo abbastanza specialistico della fotografia, potrebbe essere considerata come una branca secondaria della fotografia notturna, in quanto la maggior parte delle foto viene scattata di notte. Tuttavia, vi sono anche fotografie astronomiche scattate di giorno, come quelle del Sole o della Luna nel cielo mattutino. Anzitutto, vi sono due tipi principali di tecniche per foto astronomiche: l'uso di un treppiede fisso e la fotografia con inseguimento.

In parole semplici, la tecnica della fotografia con inseguimento prevede semplicemente di scattare foto di un ammasso stellare, una nebulosa, un pianeta o un oggetto di Messier seguendo attentamente il soggetto con un tempo di esposizione lungo. Questo è noto come il metodo piggyback. In secondo luogo, possono essere utilizzati un telescopio e una fotocamera per scattare una foto (metodo prime focus o indiretto). Infine, le foto possono essere scattate utilizzando un telescopio equatoriale o un telescopio astronomico al posto della nostra fotocamera. La fotografia con inseguimento è un campo che non è molto familiare al pubblico generale. Quindi ci concentreremo esclusivamente sulla fotografia con treppiede fisso.

Il metodo fotografico che prevede l’uso di un treppiede fisso consiste nel fissare una fotocamera a un treppiede per immortalare in una foto un oggetto celeste. Per la tecnica del treppiede fisso, vi è il metodo della messa a fuoco fissa e il metodo del moto diurno. A causa della rotazione della Terra, ci sembra che le stelle si muovano e fluttuino nel cielo. Considerando che una volta al giorno la Terra effettua una rotazione di 360 gradi, ne consegue che ogni ora si sposta di 15 gradi. Pertanto, dalla nostra prospettiva, di notte vediamo anche le stelle spostarsi di 15 gradi all'ora nella direzione opposta. Il metodo della messa a fuoco fissa usa un'esposizione breve per scattare una foto di una stella che sembra più un punto che un fascio di luce e che lascia dietro di sé una scia. Foto di numerose stelle e costellazioni e in qualche misura anche della Via Lattea, possono essere scattate utilizzando questo metodo.

Ipotizzando che stia utilizzando una fotocamera da 35 mm, una fotocamera dotata di un obiettivo standard da 50 mm può scattare la foto di una stella che resta immobile per 15 secondi (a 0 gradi di declinazione). Più ampio diventa il tuo obiettivo, maggiore diventerà l'angolo di visione e sarà quindi necessario un tempo di esposizione più lungo. Al contrario, maggiore è la potenza del teleobiettivo che usi, minore diventerà l'angolo di visione, dando come risultato un tempo di esposizione necessario più breve.

Il metodo del moto diurno utilizza un'esposizione lunga per scattare una foto di una stella che lascia una scia dietro di sé. Quando si utilizza questo metodo, è meglio includere nell’inquadratura un elemento paesaggistico come un edificio, delle montagne, una scena di sfondo e così via, invece di inquadrare solo le stelle. Le buone fotografie dipendono anche dalla direzione della scia, dalla velocità delle stelle e da altri fattori da prendere in considerazione. Le stelle nell'emisfero nord ruotano in senso antiorario da est a ovest con la Stella polare al centro. Più ruotano vicino verso la Stella polare, più lentamente sembreranno ruotare e viceversa, più lontane sono dal centro, più veloce sembreranno ruotare. Quando scatti una fotografia astronomica, puoi anche divertirti a imparare le varie costellazioni e a guardare il cielo di notte. Deve essere anche più interessante scattare foto di comete o meteore (stelle cadenti) utilizzando il metodo del moto diurno.

① Metodo fotografico: metodo del moto diurno
Data: 31 gennaio 2008
Luogo: Naksan Park a Daehakro (Seul)
Ora: dalle 20:20 alle 22:40
(tempo totale di esposizione dell'immagine: 2 ore, 20 minuti)
Obiettivo utilizzato: Pentax SMC DA FISHEYE 10-17
n. di montaggi totali: 254 foto con esposizioni a intervalli di 30 secondi (utilizzato fotomontaggio con Photoshop)
Accessori: un treppiede e uno strumento per la registrazione in time lapse

② Metodo fotografico: metodo del moto diurno
Data: 2 febbraio 2008
Luogo: tetto del Koresco Condominium (lato Chiaksan) a Hoengseong-gun, Gangwon-do
Ora: dalle 21:17 alle 23:23 (tempo totale di esposizione dell'immagine: 2 ore, 6 minuti)
Obiettivo utilizzato: Pentax SMC DA FISHEYE 10-17
n. di montaggi totali: 228 foto con esposizioni a intervalli di 30 secondi (utilizzato fotomontaggio con Photoshop)
Accessori: un treppiede e uno strumento per la registrazione in time lapse
Questa foto mostra l'International Space Station (ISS) nelle vicinanze.

③ Metodo fotografico: metodo con messa a fuoco fissa
Data: 5 maggio 2008
Luogo: Anmyondo, Taean
Obiettivo utilizzato: Pentax SMC DA FISHEYE 10-17
Accessori: un treppiede
Non ho mai visto la Via Lattea così bella e in modo così dettagliato.

Le foto descritte in precedenza sono state scattate con una macchina fotografica con pellicola da 35 mm e, naturalmente, i risultati possono variare in base al tipo di obiettivo, all'ISO e ad altri fattori. Questo presuppone anche che stai scattando foto in montagna, aree rurali, costiere o desertiche dove l'inquinamento luminoso non è eccessivo come nelle aree urbane.

In città come Seul dove l'inquinamento luminoso è eccessivo, è possibile utilizzare, in parte, il metodo della messa a fuoco fissa. Tuttavia, è difficile scattare foto delle costellazioni o della Via Lattea semplicemente perché è raro vedere le stelle. È possibile scattare foto della Luna o del Sole utilizzando il metodo del moto diurno con una macchina fotografica ordinaria. Tuttavia, ancora una volta, scattare foto delle stelle utilizzando questo metodo è difficile a causa dell'inquinamento luminoso.

Quando si utilizza una macchina fotografica, è necessario sviluppare e stampare (scansionare) la pellicola. Spesso gli studi fotografici non stampano né scansionano la pellicola, pensando che non vi sia impresso nulla. Pertanto, quando si consegna la pellicola per lo sviluppo, è meglio comunicare in anticipo che si tratta di fotografie astronomiche.

Quando utilizzi una fotocamera digitale (DSLR), puoi scattare diverse immagini di una stella utilizzando gli intervalli adatti e poi metterle insieme in una sola foto per vedere la scia di una stella in misura maggiore o minore.

Anzitutto, utilizza un grandangolo per includere un numero maggiore di stelle e valuta la composizione del mirino per creare armonia con lo scenario di sfondo. Per il valore del diaframma, utilizza una velocità dell'otturatore di 30-60 secondi all'interno dell'intervallo corretto per evitare la sovraesposizione. Puoi quindi scattare le tue foto in successione per la quantità desiderata di tempo. Per l'impostazione della fotocamera, utilizza la modalità manuale come modalità foto; utilizza la messa a fuoco manuale (illimitata) per l'impostazione della messa a fuoco; imposta la riduzione del rumore su OFF; seleziona una velocità ISO bassa e infine imposta il bilanciamento del bianco sulla tua preferenza. Puoi quindi scattare foto utilizzando un treppiede ben fermo e il cavo di scatto flessibile o uno strumento per la registrazione in time lapse. La batteria dovrà essere completamente carica.

La fase successiva consiste nell’importare i file delle immagini scattate con la tua fotocamera digitale (DSLR) in Photoshop ed eseguire la composizione su livelli. Anzitutto, scegli la foto che sarà quella principale, prima di aprire i file delle immagini uno per uno nell'ordine corretto e di sovrapporli nello stesso punto della foto principale. Quando si sovrappongono due immagini, viene creato un altro livello sulla palette dei livelli e come risultato vedrai due livelli. Ci dovrebbe essere quindi una piccola finestra bianca sulla finestra della palette livelli. Questa serve per scegliere la modalità di fusione dei livelli per consentirti di selezionare la modalità con cui unire il livello superiore e quello inferiore. Seleziona "Schiarisci" che dovrebbe trovarsi al centro. "Schiarisci" consente di enfatizzare le aree di luce dei livelli in modo che le scie delle stelle non si sovrappongano, ma vengano piuttosto mostrate come sono. Man mano che continui a comporre i livelli in questo modo, le scie delle stelle diventano più chiare e infine spiccano in una sola immagine.

Suggerimento fotografico: durante l'inverno, la tua fotocamera o l'obiettivo possono congelarsi o ricoprirsi di rugiada. Puoi coprire il tuo obiettivo con un sacchetto termico per impedire in una certa misura che questo possa accadere.

L'affascinante festival della notte: i fuochi d'artificio

Scritto e con fotografie fornite da Jungdae Kim (Nickname: danny)

L'attrezzatura di base per scattare foto di fuochi d'artificio è una fotocamera DSLR dotata di modalità bulb, obiettivo zoom, treppiede, cavo di scatto flessibile e un cartoncino o un cappello nero. Dato che non sappiamo il punto esatto in cui esploderanno i fuochi d'artificio, è meglio utilizzare un obiettivo con grandangolo invece di un obiettivo con lunghezza focale fissa per una composizione più flessibile sullo schermo. Dato che i fuochi d'artificio possono essere molto più ampi e detonare a un livello superiore rispetto al previsto, l'uso di un obiettivo con grandangolo diventa imprescindibile, soprattutto quando si scattano foto da una distanza ravvicinata. Utilizza l'obiettivo zoom per non perdere l'angolo di visione o la composizione desiderati. Dopo aver deciso l'angolatura, puoi passare a un obiettivo con lunghezza focale fissa per un'immagine più chiara.

I fuochi d'artificio di solito esplodono dopo essere stati fino a cinque secondi in aria. Pertanto, puoi scattare foto meravigliose che immortalano i fuochi d'artificio utilizzando un'impostazione del diaframma compresa tra F8 e F16 e una velocità ISO da 100 a 200.

Per scattare foto di più fuochi d'artificio, imposta la fotocamera in modalità bulb, apri l'otturatore e copri l'obiettivo con un cartoncino o un cappello nero. Quindi scopri l'obiettivo solo quando appaiono i fuochi d'artificio. Ripetendo questa operazione, puoi avere diversi fuochi d'artificio in una singola immagine. L'uso di un copriobiettivo è da evitare in quanto può causare un leggero movimento della fotocamera e dare come risultato uno sfondo mosso. Anche l'uso di un cavo di scatto flessibile è fondamentale quando si utilizza la funzionalità bulb, in quanto impedisce che la camera si muova.

L'impostazione AF (autofocus) potrebbe non riuscire a mettere a fuoco i fuochi d'artificio, quindi utilizza la funzione MF (messa a fuoco manuale) per impostare la messa a fuoco della fotocamera. Dato che il punto in cui appariranno i fuochi d'artificio sarà leggermente diverso di volta in volta, si consiglia di utilizzare valori del diaframma inferiori per una maggiore profondità di campo anche quando usi la messa a fuoco manuale. Puoi utilizzare la modalità automatica per il WB (bilanciamento del bianco), ma utilizzando la modalità tungsteno o la modalità WB manuale o impostando il valore Kelvin (K) manualmente puoi ottenere un colore dello sfondo migliore e di un blu più intenso.

Suggerimento fotografico 1: puoi ottenere immagini di fuochi d'artificio più chiare durante le fasi iniziali perché dopo i fuochi d'artificio sono spesso coperti da fumo che impedisce scatti migliori.

Suggerimento fotografico 2: invece di scattare foto solo dei fuochi d'artificio, puoi ottenere scatti migliori includendo sullo sfondo anche il paesaggio urbano. Per farlo, controlla prima l'esposizione del paesaggio urbano. In seguito, scatta la foto utilizzando la funzionalità bulb. Puoi utilizzare il cartoncino per coprire l'obiettivo quando è adeguatamente esposto. Quindi scopri l'obiettivo quando i fuochi d'artificio esplodono per scattare una foto che comprenda sia i fuochi d'artificio sia il paesaggio urbano.

L'essenza della fotografia notturna: fotografare gli svincoli stradali

Scritto e con fotografie fornite da Jungdae Kim (Nickname: danny)

I pregi fondamentali delle immagini che ritraggono gli svincoli stradali nella notte sono le scie luminose dei fari dei veicoli e le splendide luci cittadine. Per includere un intero svincolo in un fotogramma, avrai bisogno di un obiettivo con grandangolo; in alcuni casi, puoi aver bisogno di utilizzare un obiettivo fish eye. Naturalmente, l'angolo di visione e la composizione saranno differenti in base all'area che stai fotografando. L'intervallo della fotografia è anche una questione di scelta personale, quindi molti fotografi spesso utilizzano un obiettivo standard con lunghezza focale fissa. Per ottenere una foto mozzafiato con una scia luminosa d’impatto, hai bisogno di una velocità maggiore dell'otturatore. Questo implica anche che non hai necessariamente bisogno di aumentare la sensibilità, anche per una foto notturna, che può essere impostata intorno ai 100 ISO. In generale, la velocità dell'otturatore deve essere superiore a 15 secondi per ottenere una scia luminosa soddisfacente, per cui il diaframma deve essere impostato in modo appropriato considerando la velocità dell'otturatore. Spesso le foto vengono scattate con un'impostazione del diaframma compresa tra F8 e F16 o più. Se necessario, la velocità dell'otturatore può anche essere aumentata utilizzando il filtro ND (a densità neutra). I fan della fotografia notturna amano scattare foto durante la cosiddetta "ora magica", 30 minuti prima e dopo il tramonto. Quest'ora è in realtà abbastanza attraente perché è possibile scattare foto sia del sole che tramonta sia dei paesaggi notturni. Tuttavia, le immagini degli svincoli stradali non devono necessariamente essere scattate durante quest'ora magica. Sebbene si possano ottenere colori migliori proprio durante l’ora magica, ritengo che le ore notturne più scure siano più adatte se si prende in considerazione come soggetto esclusivamente lo svincolo stradale: lo sfondo più scuro enfatizza molto meglio i fari bianchi e i fanali posteriori rossi dei veicoli. Personalmente preferisco premere per metà l'otturatore mettendo a fuoco il soggetto utilizzando l'AF e poi passare al MF. Se possibile, utilizzando un cavo di scatto flessibile e selezionando il WB manuale invece del WB automatico o impostando il valore Kelvin (K) manualmente puoi ottenere un'immagine con uno scenario notturno migliore e più brillante. Suggerimento fotografico 1: imposta il WB su manuale mettendo a fuoco la linea centrale dello svincolo su cui passano le auto. Vi sono molti accessori per impostare il WB. Personalmente, quello che uso più spesso è un "disco di bilanciamento del bianco" per impostare il WB e scattare foto degli svincoli stradali di notte. Suggerimento fotografico 2: L'atmosfera di un'immagine cambia secondo la velocità dell'otturatore. Devi decidere quanta scia luminosa dei veicoli desideri fotografare. Un tempo ampio dell'otturatore può riempire la strada di luci diverse, oppure puoi semplificare le scie luminose con pochi tratti. Il confronto di queste foto quindi ti permette di scoprire le caratteristiche di ciascuna e di farti un'idea.

Il nuovo punto focale del paesaggio di Seul: una vista notturna di Hangang

Scritto e con fotografie fornite da Yongmin Lee (Nickname: mutro)

Le persone di solito includono nell’inquadratura i suoi ponti quando scattano una foto di una vista notturna di Hangang. Puoi ottenere una foto sbalorditiva con colori vibranti del cielo catturando le tue immagini appena prima o dopo il tramonto. La visibilità, che nei fatti influisce sulla fotografia, può essere differente a seconda delle condizioni atmosferiche, per cui bisognerebbe considerare anzitutto il tempo. Le circostanze del momento in cui ho scattato questa foto indicavano che il cielo era troppo luminoso, circostanza che rendeva la velocità dell'otturatore molto elevata. Questo fattore inoltre non era sufficiente a cogliere le scie luminose delle auto che passavano sul Banghwa Bridge. Di conseguenza, ho ridotto la velocità dell'otturatore da 100 a 50 ISO per catturare le scie luminose delle auto, utilizzando al contempo un'apertura minore pari a circa F13 per includere anche la montagna in lontananza. Impostando la fotocamera in modalità "clear", sono riuscito anche a creare colori più forti nell'immagine.

Banghwa Bridge
1. Luogo: al centro di una montagna da cui era visibile l'estremità nord del Banghwa Bridge
2. Data e ora: 16 feb 2008, 18:30 circa, appena prima del tramonto
3. Informazioni di impostazione: 135 mm F2.0 Misurazione luce: Multi-apertura: F13 Velocità otturatore: 10 sec. ISO: 50 Modalità: Clear

Se stai scattando foto nel periodo di tempo compreso tra il tramonto del sole e le tenebre, l'uso della modalità tungsteno è una buona idea poiché nel cielo restano visibili alcune sfumature bluastre. Le impostazioni della fotocamera che uso principalmente per la scena notturna sono la modalità tungsteno per dare un effetto di colore più chiaro e bluastro, l'impostazione manuale del valore Kelvin e AWB (bilanciamento automatico del bianco) che al giorno d'oggi, date le prestazioni migliorate delle fotocamere, garantisce un soddisfacente bilanciamento del bianco. Relativamente alla messa a fuoco, personalmente metto a fuoco il punto compreso tra 1/3 e 1/2 che si trova in mezzotono (per un soggetto senza il mezzotono, metto a fuoco il punto che si trova metà in ombra e metà illuminato) quando guardo attraverso il mirino. In questo modo, garantisco un'esposizione corretta con la profondità di campo e ottengo un'immagine chiara nel suo complesso.

Sungsan Bridge
1. Luogo: sulla riva nord del Sungsan Bridge
2. Data e ora: 8 mar 2008, 19:00 circa, dopo il tramonto
3. Informazioni di impostazione: 50 mm F1.4 Misurazione luce: Multi-apertura: F11 Velocità otturatore: 8 sec. ISO: 100 Modalità: tungsteno

Illuminare i fiori con la luce: foto notturne di fiori di ciliegio

Scritto e con fotografie fornite da Heonguk Son (Nickname: Sonddadadak~)

MF 50 mm F1.4S / Modalità di esposizione: M/Diaframma: F8 / Velocità otturatore: 10 sec. / ISO: 100/Bilanciamento del bianco: valore Kelvin 2780 / scatto file RAW / sRGB

La difficoltà nel fotografare di notte i fiori di ciliegio è rappresentata dal fatto che il soggetto non è immobile, ma ondeggia leggermente al soffiare del vento. Quando utilizzi un'esposizione maggiore, la parte finale del ramo può quindi apparire sfocata rispetto alle altre aree della tua fotografia. Questo significa che hai bisogno di aumentare il valore ISO o di utilizzare un diaframma più ampio per una maggiore velocità dell'otturatore.

Tuttavia, quando cerchi di ottenere un'immagine chiara dell'intero ramo di fiori completamente sbocciati dall’estremità anteriore a quella posteriore, l'impostazione del diaframma deve essere ridotta per una maggiore profondità di campo. Il risultato di questa operazione è una maggiore velocità dell'otturatore. Naturalmente, la profondità di campo diventa maggiore quando si utilizza un obiettivo con un angolo più ampio. Puoi pertanto ottenere questo risultato con una maggiore profondità di campo, anche con un'impostazione minore del diaframma, utilizzando un obiettivo con grandangolo al posto di un teleobiettivo. A seconda della messa a fuoco del fotografo, anche il valore del diaframma, la velocità dell'otturatore e l'impostazione ISO cambiano. Personalmente, uso impostazioni di ISO 100 per la qualità dell'immagine, un valore del diaframma compreso tra F8 e F16 per una profondità di campo adeguata e una velocità dell'otturatore compresa tra 10 e 15 secondi. Inoltre, devi avere la pazienza di attendere un momento senza vento quando i rami sono immobili, in quanto l'esposizione è abbastanza lunga. Durante il periodo del Cherry Blossom Festival in Corea, nella maggior parte dei casi i fiori sono illuminati con luci dirette. Pertanto, devi prestare attenzione a non ritrovarti un "foro" bianco indesiderato nell'immagine dovuto alla sovraesposizione dei fiori. Se il colore delle luci cambia, è una buona idea scattare più foto per creare immagini con diversi effetti e atmosfere.

Se usi il bilanciamento automatico del bianco, potresti ottenere immagini meno soddisfacenti perché i colori delle immagini cambiano per ogni scatto, anche quando le altre impostazioni sono identiche. Configurare manualmente il valore Kelvin per impostare la temperatura del colore prima di scattare rappresenterebbe la scelta migliore.

AAF 180 mm F2.8D ED / Modalità di esposizione: M / Diaframma: 11 / Velocità otturatore: 15 sec. / ISO: 100 / Bilanciamento del bianco: valore Kelvin 2500 / scatto file RAW/sRGB

Foto di scie scattate in interni: il moto del pendolo

Scritto e con fotografie fornite da Heonguk Son (Nickname: Sonddadadak)

MF 50 mm F1.4S / Modalità di esposizione: M / Diaframma: 16 / Velocità otturatore: 246 sec. / ISO: 100 / Bilanciamento del bianco: valore Kelvin 3130/scatto file RAW / sRGB

Scattare foto che ritraggono il flusso geometrico delle luci utilizzando un moto del pendolo può risultare molto interessante. Anzitutto, è necessario un filo e una minitorcia (una piccola luce con una lampadina è meglio, in quanto la luce gioca il ruolo di peso), una fotocamera, un treppiede e un cavo di scatto flessibile. Anzitutto, lega un filo da 1-1,5 m all'estremità della torcia, poi fissa l'altra estremità al soffitto. Imposta l'altezza del treppiede quanto più bassa possibile e poi imposta l'angolazione della fotocamera puntando l'obiettivo verso il soffitto. Devi accertarti che la fotocamera abbia l'angolo di visione adatto controllando attraverso il mirino. Effettua la regolazione se necessario. Cerca di posizionare il peso al centro del mirino e imposta la messa a fuoco all'estremità del peso. Quindi imposta la fotocamera su MF. Imposta la velocità dell'otturatore in modalità bulb (B). Ricorda che più è aperto il diaframma, più spesse diventano le linee e viceversa, più piccolo è il diaframma, più sottili diventano le linee catturate nell'immagine. Consiglio di realizzare le linee molto sottili utilizzando un'impostazione di diaframma ridotta, perché la distanza tra le linee diventa più stretta man mano che il peso gira intorno al centro. Relativamente al formato, scatta le foto come file RAW e poi modifica il colore della luce utilizzando un programma di correzione per file RAW per un risultato migliore.

AF-S 17-35 mm F2.8D ED / Modalità di esposizione: M / Diaframma: 16 / Velocità otturatore: 340 sec. / ISO: 100 / Bilanciamento del bianco: valore Kelvin 3130 / scatto file RAW/sRGB

Dopo aver collegato il cavo di scatto flessibile, spegni tutte le luci in modo da avere un'oscurità totale, poi accendi la torcia (il peso). Se tiri semplicemente il peso e poi lo rilasci, otterrai un movimento lineare. Invece di fare così, cerca di creare un cerchio spingendo leggermente il peso su un lato per realizzare la forma mostrata nell'immagine precedente. Una volta che è stato creato il cerchio dalla dimensione desiderata, premi il cavo di scatto flessibile per iniziare a scattare. Quando il diaframma è impostato su 16, un'impostazione dell'esposizione compresa tra circa 3 e 6 minuti è corretta, inoltre devi decidere l'impostazione di esposizione corretta guardando il moto del pendolo disegnato dal peso. Potresti dover fare diversi tentativi prima di ottenere una bella foto. Continua a provarci e alla fine ci riuscirai.

Una scia luminosa che attraversa il silenzio della notte

Scritto e con fotografie fornite da Minseok Son (Nickname: hooligan)

Titolo: Luogo: Jianjae, Hamyang-gun ISO 100, F8, 30 sec.

Scattare una foto della scia luminosa di un veicolo che corre su una strada di montagna senza alcuna luce artificiale è l'essenza della fotografia notturna. Soprattutto se la strada ha un tornante o un pendio, la scia di luce che emerge nell'immagine notturna ha una qualità dinamica che raramente è possibile trovare in altre foto scattate di notte. Generalmente, le auto che si trovano su strade di montagna non illuminate tendono ad avanzare a bassa velocità. Dato che la velocità massima dell'otturatore supportata dalle modalità AV, TV ed M della DSLR è di soli 30 secondi, la funzionalità bulb e un cavo di scatto flessibile diventano fondamentali per garantire la velocità dell'otturatore superiore a 30 secondi che è necessaria per ottenere una scia luminosa ininterrotta. Per quanto riguarda la selezione dell'obiettivo, un obiettivo con grandangolo è molto più appropriato rispetto a un teleobiettivo per ottenere una scia luminosa completa piuttosto che scie parziali. Ricorda che obiettivi ultra-ampi, al di sotto di 20 mm, daranno come risultato scie luminose più ampie e molto più chiare sull'immagine. Per l'impostazione del bilanciamento del bianco, è meglio selezionare la modalità fluorescente o tungsteno. Il contrasto ben definito della scia luminosa bianca e il cielo di notte color pece attirerà immediatamente l'attenzione di chi guarda la foto. Ricorda inoltre che il colore della scia luminosa diventa più bianco man mano che la temperatura del colore diminuisce, e cerca di impostare il WB sulla modalità fluorescente o tungsteno. Inoltre, puoi osservare i diversi risultati creati e fare dei tentativi applicando diverse temperature di colore. Relativamente all'esposizione, è preferibile una leggera sottoesposizione. In alcuni casi, puoi anche dover enfatizzare le scie luminose rendendo lo sfondo più scuro per far emergere la qualità dinamica del movimento delle auto sotto il cielo notturno. Pertanto, devi acquisire le conoscenze per individuare le scie di luce rispetto allo sfondo applicando una compensazione dell'esposizione che è da 1 a 2 stop piuttosto che fare affidamento sul valore di esposizione ottimale. Considerando la natura dello scatto, consiglio di uscire con due o tre amici invece di scattare foto da soli. Trovare un'auto che corre da sola su una strada di montagna di notte è abbastanza difficile, per cui potresti dover guidare tu l’auto a cui scattare la foto invece di attendere che ne passi una. Se avessi un amico o due che premono il cavo di scatto flessibile mentre tu guidi, sarebbe perfetto. Accertati di controllare in anticipo il percorso di movimento e la composizione dell'immagine. Trovare una composizione perfetta nella completa oscurità facendo esclusivamente affidamento sui tuoi sensi non è un compito facile. Consiglio di visitare il sito prima del tramonto per verificare vari percorsi di movimento possibili e decidere in anticipo in che modo e dove scattare foto con la presenza di possibili scie luminose.

Titolo: Godersi il luogo silenzioso: l'autostrada locale tra
Nonsan e Wanju ISO 100, F8, 221 sec.

Il climax del paesaggio urbano notturno: gli edifici

Scritto e con fotografie fornite da Yui-jeong Choi (Nickname: hongdangmu)

Modalità M / ISO: 100 / F8 6 sec. / Bilanciamento del bianco: impostazione valore Kelvin / Foto scattata in sRGB jpeg / Compensazione: 8211 / Reso più nitido e bilanciamento del colore regolato utilizzando Photoshop

Uno dei pregi dello scattare fotografie notturne è la possibilità di scattare foto di affascinanti luci di città. Se le condizioni meteorologiche sono favorevoli e riesci perfino a vedere delle nuvole che passano sulla città illuminata, hai la sensazione di poter fotografare tutto, compresa una città di notte, un fiume nelle vicinanze e le strade con luci in movimento. Tuttavia, anche in condizioni meteorologiche non favorevoli, non dovresti uscire di casa senza la tua fotocamera e un treppiede. È sempre meglio essere pronti che delusi di fronte a un'opportunità. Potrebbe non essere semplice come sembra scattare foto dei grandi edifici di Seul di notte. Sebbene tu possa scalare una montagna vicina, in città vi sono occasioni in cui hai bisogno di salire sul tetto di un alto edificio per trovare soggetti ancora da scoprire e creare composizioni uniche e interessanti. Dovresti salire tetti solo dopo aver ottenuto il permesso dal gestore dell'edificio. Generalmente, è necessario utilizzare il valore ISO più basso per scattare le foto, con un'impostazione del diaframma compresa tra F8 e F13. Quando scatti una foto di un edificio totalmente illuminato, devi impostare la velocità dell'otturatore da 2-6 secondi a 8-13 secondi. Per impedire il movimento della fotocamera, utilizza sempre il cavo di scatto flessibile e anche l'impostazione di blocco dello specchio per impedire che lo specchio si sollevi. Per catturare gli effetti di luce limpidi e vibranti, personalmente utilizzo la modalità clear sulla mia fotocamera. Uso spesso anche l'obiettivo fish-eye con l'angolo di vista estremo date le sue caratteristiche ed effetti unici. Quando il soggetto che desidero fotografare è troppo vicino e non posso indietreggiare ulteriormente, è il caso di utilizzare l'obiettivo fish-eye per scattare una foto del soggetto desiderato senza alcun problema. Lo trovo molto soddisfacente. Alcune persone evitano questo obiettivo a causa della distorsione, io invece trovo interessante l’effetto che produce. Uno dei suoi punti di forza è che consente la riconfigurazione di soggetti che non possono essere fotografati utilizzando altri obiettivi se non un obiettivo fish-eye. Come mostrato nell'immagine precedente, edifici alti o soggetti multipli possono essere contenuti tutti in un'immagine, cosa che rappresenta un altro punto di forza dell'obiettivo. Quando scatti foto di edifici ben illuminati, non è necessaria una lunga esposizione. Dato che le condizioni erano piuttosto scure quando stavo scattando la foto, ho utilizzato una velocità ridotta dell'otturatore per illuminare di più il cielo.