Case History

La fabbrica 4.0 di Alfa Romeo e la tecnologia Samsung

01-11-2017

Da quando ha avuto inizio il processo di trasformazione di Fiat Chrysler Automobiles, gli impianti produttivi dell’azienda hanno svolto un ruolo centrale nell’affermazione e nel successo dei diversi marchi del Gruppo. FCA ha lavorato alla digitalizzazione degli impianti produttivi con diversi partner per affinare ulteriormente l’efficienza della catena produttiva e contribuire a una migliore qualità del lavoro degli addetti di linea. In questo ambito è iniziata la relazione tra FCA e Samsung.

La prima fase del processo di digitalizzazione ha riguardato la massa di informazioni disponibili all’interno delle fabbriche. Sono stati integrati dei dispositivi di visualizzazione – monitor Samsung ad alta luminosità lungo la linea di produzione, eBoard touchscreen in alcuni punti strategici - sui quali viene mostrato l’andamento della produzione stessa. Nel caso di situazioni anomale, vengono generati degli alert presi immediatamente in carico.

La seconda fase del progetto di digitalizzazione presenta alcuni aspetti particolarmente interessanti. Innanzitutto, non si è trattato di un processo “top-down” ma di un processo “bottom-up” che, partendo da un brain storming con i team leader, che hanno la responsabilità di un gruppo di lavoro, ha portato loro stessi a identificare le esigenze e a disegnare personalmente le soluzioni e i dispositivi che avrebbero potuto aiutarli a svolgere al meglio il lavoro. Sono emerse due soluzioni che, integrate tra loro, avrebbero potuto rispondere alle esigenze e alla maggiore efficienza: uno smartphone e uno smartwatch.

Samsung ha messo a disposizione dispositivi tecnologicamente avanzati e una soluzione, Samsung Knox, personalizzabile e in grado di garantire la totale sicurezza dei dati presenti sul terminale. Samsung Knox infatti trasforma il terminale consumer in uno smartphone o tablet adatto alle esigenze di business.

Leggermente diverso il discorso relativo all’adozione degli smartwatch da destinare al personale di linea, sicuramente uno degli aspetti più innovativi del progetto di digitalizzazione: un dispositivo wearable è utilizzato all’interno dell’impianto produttivo per snellire i processi, migliorare i flussi e l’ergonomia del lavoro.

Lo smartwatch Samsung Gear S3 Frontier ha permesso la totale personalizzazione del dispositivo ed è l’unico smartwatch presente sul mercato che può essere utilizzato in modalità stand-alone, vale a dire, non deve essere necessariamente connesso a uno smartphone per poter essere utilizzato in tutte le sue funzioni. Totalmente integrato con il MES (Manufacturing Execution System) di FCA – il sistema informativo che gestisce l’intero sistema produttivo – lo smartwatch Samsung è utilizzato come dotazione professionale in alcuni tratti della linea produttiva.

Il processo è il seguente: raggiunta la propria postazione, l’operatore riceve dal MES la lista delle operazioni da compiere sul veicolo in lavorazione; completata l’operazione, invia la conferma tramite il Gear S3 Frontier, l’attività viene registrata come conclusa e la linea di produzione può proseguire alla fase successiva.
Nel caso in cui, invece, un’operazione non possa essere eseguita per qualsiasi ragione, l’operatore è in grado di generare dallo smartwatch una segnalazione verso il team leader responsabile.

“La collaborazione con FCA è stata particolarmente proficua perché, lavorando insieme, è stato possibile partire dall’analisi delle esigenze ed identificare congiuntamente,
anche insieme alle persone che poi le avrebbero utilizzate, le soluzioni tecnologiche più adatte. Da un lato abbiamo attinto alla gamma dei prodotti professionali Samsung, con display di grande formato dotati anche di interfaccia touch. Dall’altro lato abbiamo messo a valore anche i nostri prodotti consumer, come gli Smartphones ed il Gear S3, specializzandoli a compiere le operazioni necessarie sulla linea di produzione e sviluppando una interfaccia grafica ottimale rispetto al contesto di utilizzo. In particolare il Gear S3 permette all’operatore di linea, che mantiene le mani libere, di interagire in maniera bidirezionale con il proprio supervisore e con la linea di produzione.
La flessibilità, l’affidabilità e l’economia di scala dei nostri prodotti consumer, uniti alla familiarità che gli addetti di linea già ne hanno, sono stati elementi chiave della soddisfazione di FCA e della ottima accettazione da parte degli operatori. L’integrazione di tutti i prodotti con l’infrastruttura IT di FCA e la securizzazione dei dispositivi attraverso Samsung Knox sono state ulteriori attività peculiari di questo progetto” afferma Antonio Bosio, Head of Product & Solutions di Samsung Electronics Italia.