Others

Mobilità in sicurezza per abilitare la Digital Transformation

I nuovi modelli di lavoro richiedono una gestione flessibile, centralizzata e sicura dei dispositivi mobili. Samsung Knox coniuga una protezione intrinseca a livello hardware con la possibilità di condividere in sicurezza l’ambiente aziendale e quello personale

16-01-2018

Il processo di Digital Transformation che sta interessando le aziende e la società nel suo complesso si articola su tre aspetti che definiscono la misura del livello di innovazione: la capacità di individuare le tecnologie innovative emergenti, di integrarle con i processi aziendali e di adeguare il cambiamento tecnologico alle specifiche caratteristiche produttive dell’azienda. Questa evoluzione affonda le sue radici, in buona parte, sulla crescente mobilità di beni materiali e persone.

L’azienda mobile

L’introduzione di nuovi modelli di lavoro basati sulla mobilità è alimentata dal processo di globalizzazione, da cicli produttivi sempre più veloci e dall’esigenza di definire nuove modalità di interazione sia tra i dipendenti sia tra l'azienda e l'esterno.
Detto questo, l'azienda deve diventare mobile anche perché i suoi dipendenti, i suoi clienti e i suoi partner vogliono poter operare in mobilità. In particolare, la disponibilità di strumenti mobili pensati per il business assicura alle ultime generazioni di lavoratori quella qualità e indipendenza nel modo di lavorare che hanno ampiamente sperimentato e metabolizzato con i dispositivi consumer, non di rado più all’avanguardia di quelli in uso nelle aziende. Inoltre, fornisce alle aziende il fascino necessario per attrarre giovani la cui creatività apporti un reale beneficio e per riuscire a trattenerli una volta che sono stati formati.

᠎

L’importanza di un sistema centralizzato di gestione

Dando per scontato che sia già superato il dilemma del "se e quando", resta però ancora molto da fare sul "come" inserire in modo strutturato i paradigmi di mobilità e di lavoro in mobilità all'interno dei processi lavorativi. “Predisporre modelli di gestione efficace è un passaggio fondamentale per mettere a disposizione di ogni tipologia di utente aziendale strumenti ritagliati sulle sue specifiche esigenze, garantirgli aggiornamenti costanti e facilitare l'accesso ai dati aziendali, inclusi quelli di carattere critico. La disponibilità di un robusto sistema di gestione centrale è, pertanto, una condizione irrinunciabile per poter ridurre i rischi per l’azienda e assicurare la continuità operativa” , afferma Antonio La Rosa , Head of IM B2B di Samsung Italia. Quando si parla di ambienti mobili di tipo business la sicurezza non è solo un’opzione, ma anche un obbligo di legge e, ancor prima, un modo per garantire che il patrimonio aziendale non venga compromesso. All’interno del Rapporto Clusit 2017 sulla sicurezza in Italia, vengono riportati i dati di IDC che evidenziano la netta correlazione sia a livello di progettualità sia di strategia tra Sicurezza IT e Digital Transformation.
Dalle ricerche di IDC sul mercato italiano emerge che oltre il 70% delle aziende considera la Digital Transformation come una priorità a 12 mesi e che circa il 56% ritiene che la correlazione tra Digital Transformation e Sicurezza IT rappresenti un obiettivo essenziale per la propria impresa.

᠎

Mobile management

Il tema della sicurezza ha a che fare anche con gli scenari di utilizzo misto dei dispositivi mobili. Un medesimo apparato può essere utilizzato per esigenze aziendali e private oppure per esigenze aziendali con un differente livello di criticità e riservatezza. Diventa, perciò, essenziale predisporre una serie di misure di sicurezza per esercitare il controllo senza ridurre la produttività degli utenti.
Un primo intervento riguarda l’isolamento tra le due tipologie di risorse (aziendale/personale oppure riservata/non riservata) che può essere conseguito attraverso tecnologie “container”. Inoltre, è importante predisporre misure che prevengano la possibile perdita di dati critici aziendali, anche in caso di smarrimento o furto del dispositivo mobile. Un terzo e fondamentale requisito è di garantire la non compromissione del dispositivo, assicurandosi che solo gli apparati mobili che sono stati verificati essere sicuri possano accedere alle applicazioni, ai dati e ai servizi di business. E’ essenziale che tutto ciò venga realizzato mantenendo semplice e immediata l’esperienza d’uso dell’utente, in modo da evitare che l'utilizzatore possa desiderare di bypassare i criteri e le procedure aziendali di protezione.

᠎

I vantaggi di un ambiente intrinsecamente sicuro

Samsung Knox è la soluzione pensata per risolvere i problemi della gestione in sicurezza di dispositivi mobili. Permette di utilizzare uno smartphone o un tablet, nato per fornire un’esperienza d’uso di tipo consumer, come strumento adatto alle logiche e ai requisiti del mondo business.
Il fondamento della sicurezza di Knox estende le proprie radici all’interno dell’hardware dei dispositivi mobili Samsung. A ogni accensione prevede una catena di controlli a livello hardware (e dunque inattaccabili) dell’integrità di tutte le componenti software del sistema mobile. Nel caso in cui venga riscontrata una modifica software non autorizzata l’accesso ai dati aziendali viene bloccato impedendone la decifrazione. Questo non influenza in alcun modo la componente e i dati personali o il funzionamento del dispositivo, fatta eccezione per la sua capacità di essere utilizzato nuovamente per sfruttare le funzioni di sicurezza avanzata di Knox.

᠎

Le soluzioni Samsung Knox

Samsung Knox è però molto più di una tecnologia di sicurezza, come spiega Antonio La Rosa, Head of IM B2B di Samsung Italia: “oltre a predisporre un livello di protezione intrinseca, Samsung Knox mette a disposizione una piattaforma completa di Mobile Device Management per il deployment da remoto della configurazione dei dispositivi e prevede anche una serie di soluzioni che consentono di indirizzare specifiche esigenze di business” .
Una di queste soluzioni è Samsung Knox Workspace, una tecnologia “container” progettata per separare, isolare, crittografare e proteggere i dati aziendali da possibili attacchi o perdite accidentali. Workspace è strettamente integrato nella piattaforma Knox e fornisce un ambiente separato all'interno del medesimo dispositivo mobile, garantendo che i dati di lavoro e quelli personali rimangano separati. Solo il “container” dedicato alla componente lavorativa viene gestito dall'azienda.

᠎

Una partnership all’insegna dell’innovazione

Molte aziende hanno già scelto la tecnologia Knox. Tra i casi più recenti ricordiamo il progetto di Coop Alleanza 3.0, la più grande cooperativa italiana ed europea con 22mila dipendenti e 2,8 milioni di soci, che ha utilizzato la tecnologia Samsung per la gestione sicura di 550 tablet.
«La piattaforma Knox ci ha convinto e contiamo di estenderla anche ai nostri 1200 smartphone - ha commentato Francesca Santi, Specialista Area Networking Sistemi Informativi di Coop Alleanza 3.0 -. La considero un’ottima soluzione che ci garantisce un elevato standard di sicurezza. Ci offre la flessibilità di poter creare un profilo predefinito dell’ambiente mobile, che viene reso disponibile ai tablet connessi in rete. La possibilità di separare l’ambiente aziendale da quello personale o comune introduce un fondamentale elemento di sicurezza» .
La partnership tra Coop e Samsung si era già concretizzata all’insegna dell’innovazione nella realizzazione del Supermercato del futuro, un punto vendita Coop aperto a Milano, laboratorio di nuove idee ed erede delle sperimentazioni realizzate durante Expo 2015, dove le più avanzate tecnologie di Smart Signage si sposano con le esigenze di informazioni dei consumatori. Con questo nuovo progetto la partnership tra Coop e Samsung prosegue e si estende a un ambito che interessa anche i processi aziendali interni di Coop, confermando il ruolo di Samsung non solo come abilitatore tecnologico, ma anche come promotore della cultura dell’innovazione e della sicurezza aziendale in un contesto di Digital Transformation.

᠎