White paper

Dispositivi mobile a scuola: soluzioni per un apprendimento digitale coinvolgente

L’uso dei dispositivi mobile a scuola può aiutare ragazzi e docenti ad apprendere e condividere gli insegnamenti in maniera decisamente più smart e coinvolgente

23-10-2018

Sono ancora in molti a storcere il naso quando si parla dell’utilizzo di dispositivi mobile a scuola, ma con le giuste regole e le dovute precauzioni l’uso dei cellulari in classe può aiutare i ragazzi e i docenti ad apprendere e condividere gli insegnamenti in maniera decisamente più smart e coinvolgente.

Anche per questo il MIUR, il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, ha diffuso il suo decalogo per l’uso consapevole degli smartphone a scuola. Innanzitutto, il Ministero riconosce il fatto che non si possono più chiudere gli occhi di fronte al cambiamento digitale ma che il cambiamento va governato e gestito. Ma il punto più interessante delle “linee guida” è quello che prevede, attraverso il metodo del BYOD (Bring Your One Device, in italiano: porta il tuo device digitale da casa), di ampliare e aggiornare le capacità di connettività e la dotazione di “attrezzi digitali per l’apprendimento”.

Dispositivi mobile a scuola in tutta sicurezza

Chiaramente, l’uso del metodo BYOD in classe non si può improvvisare: è necessario che le scuole e gli istituti di formazione adottino le soluzioni migliori per garantire l’accesso alla rete, la condivisione del sapere e, soprattutto, la sicurezza dei dispositivi connessi.
Bisogna quindi valutare l’indispensabilità di una piattaforma di Mobile Device Management e del suo corretto utilizzo per proteggere le applicazioni e i dati, definendo cosa può fare ogni processo e a quali dati può accedere. Un modo per adeguarsi alle recenti normative europee sulla privacy e sulla protezione dei dati personali.
Una piattaforma MDM correttamente configurata e gestita consente, infatti, di separare i dati personali degli studenti da quelli della scuola, e ospitare questi ultimi all’interno di un’area protetta del dispositivo mobile progettata per isolarli, cifrarli e proteggerli da possibili attacchi informatici. Soluzioni MDM come Samsung Knox garantiscono inoltre una protezione a livello hardware per fare in modo che operazioni critiche come la decifratura dei dati avvengano soltanto dopo aver verificato che i componenti principali del sistema non siano stati compromessi.

᠎

Le soluzioni per digitalizzare lo studio

Creata e messa in sicurezza l’infrastruttura di gestione dei dispositivi mobile presenti in classe, la scuola può quindi adottare le soluzioni giuste per digitalizzare le lezioni e trasformare l’insegnamento in un’esperienza smart davvero unica.
Anche in questo caso, Samsung offre gli strumenti giusti per modernizzare la scuola. Si chiama Education la piattaforma per la creazione e gestione telematica, in tempo reale, di lezioni e meeting organizzati in ambito scolastico . La particolarità di Samsung Education è quella di coinvolgere non solo alunni e professori, ma anche l’intero istituto scolastico e i genitori. Tramite questa app utilizzabile su tutti i dispositivi mobile Samsung, infatti, i docenti possono creare e gestire i corsi, condividere i file e contenuti multimediali, avviare e svolgere vere e proprie lezioni, caricare i compiti, creare note e appunti, valutare gli esercizi dei ragazzi. In pratica effettuare in modo semplice e veloce tutte le attività quotidiane della propria attività didattica.

᠎

Dispositivi mobile a scuola: lezioni interattive

Grazie all’interfaccia particolarmente intuitiva, i professori possono quindi creare un nuovo corso compilando una breve scheda identificativa e selezionando le classi e gli studenti a cui il corso è rivolto. Inoltre, possono definire una lista di utenti frequentanti il corso selezionando intere classi o singoli alunni già presenti nel sistema. Dalla pagina del corso è possibile, inoltre, creare questionari e compiti da poter successivamente somministrare durante lo svolgimento di una lezione.
Dal canto loro, gli studenti hanno la possibilità di consultare i corsi e i materiali didattici a loro associati, partecipare alle lezioni, svolgere i compiti e compilare i questionari, oltre che creare note e appunti.
Grazie alle funzionalità di Samsung Education è poi possibile coinvolgere anche i genitori e il personale amministrativo delle scuole: i primi hanno la possibilità di consultare il calendario e lo storico delle lezioni, verificare le valutazioni dei compiti e dei questionari e controllare il registro presenze dei propri figli. Il personale dell’istituto scolastico, invece, può gestire l’anagrafica della scuola e degli utenti, curare lo storico delle lezioni, configurare gli accessi, le notifiche e gli spazio di archiviazione.
A trarne vantaggio sarà tutta la didattica, in quanto Samsung Education consente di raggiungere importanti traguardi:
• migliorare le capacità di presentazione e collaborazione, singole o di gruppo;
• monitorare i progressi degli alunni in maniera rapida e intuitiva;
• avere un feedback istantaneo sull’apprendimento e sulla didattica;
• ottenere un maggiore coinvolgimento degli alunni;
• accedere al materiale didattico sempre e ovunque grazie al cloud;
• effettuare una gestione centralizzata della classe mediante una pratica interfaccia Web.

Una soluzione tecnologica, quindi, di semplice impiego per il mondo della scuola in grado di combinare hardware, software e strumenti di comunicazione per assicurare una gran varietà di caratteristiche e funzioni educative ad alto valore aggiunto.