Fotografia

Fotografa la galassia
#withGalaxy

Consigli e trucchetti per trasformare le tue foto della Via Lattea in capolavori.

Scultura di una luna, sostenuta da colonne sullo sfondo di un cielo stellato al tramonto Scultura di una luna, sostenuta da colonne sullo sfondo di un cielo stellato al tramonto

L’estate è la stagione prediletta da chi ama fotografare le stelle. Peccato però che molte foto del cielo notturno finiscano per essere più sfocate che mozzafiato. Immortalare la grandiosità della Via Lattea non è semplicissimo, ma con la giusta attrezzatura e i nostri consigli puoi imparare come fotografare le stelle con risultati sempre… stellari.

Una scura notte stellata in un campo, con alte pale eoliche rosse in lontananza, a Gyeongsangbuk-do Una scura notte stellata in un campo, con alte pale eoliche rosse in lontananza, a Gyeongsangbuk-do

Prima di iniziare

Per prima cosa, rifletti un attimo su cosa vuoi fotografare oltre alla Via Lattea. Cosa ci sarà in primo piano? Vuoi ritrarre la Via Lattea nella parte bassa del cielo, in quella alta o in diagonale? Per fotografare le stelle, insomma, l’inquadratura è tutto.

Una vista della Via Lattea nel cielo notturno Una vista della Via Lattea nel cielo notturno

A luci spente

Per foto del cielo notturno davvero magistrali, devi allontanarti dall’inquinamento luminoso delle città. Più ti allontani dalla “civiltà”, meglio è.

Resta però il fatto che fotograferai da altezza uomo e sulla Terra, non dallo spazio, quindi difficilmente i tuoi scatti conterranno solo stelle. In primo piano potresti avere architetture interessanti, particolari formazioni rocciose o alberi svettanti: cerca elementi che assumano un certo fascino se visti in controluce sullo sfondo del cielo stellato.

Il tempo è tutto

L’ora dello scatto è importante quanto il luogo. L’aspetto della Via Lattea dipende molto dal momento della notte e dal momento dell’anno: la nostra galassia è sempre visibile nel cielo notturno (la Terra è al suo centro, dopo tutto), ma quella che chiamiamo “la Via Lattea” è solo il suo nucleo e si vede solo da febbraio a novembre. Inoltre, in tale periodo cambia il suo orientamento nel cielo, quindi se vuoi fotografarla in un punto preciso ti occorre un po’ di pianificazione.

Per fortuna esistono app che possono aiutarti a scegliere il tipo di scatto che vuoi, e che ti dicono quando e dove realizzarlo al meglio. PhotoPills ha una pratica funzione chiamata Night AR che localizza il nucleo della galassia nel cielo effettivo, a seconda di quando vuoi fare le tue foto. Anche una semplice app-bussola come quella di Galaxy S20 e Galaxy Watch Active2 può migliorare la tua esperienza di “reporter stellare”.

Un’illustrazione che mostra le fasi lunari, dalla luna piena alla luna nuova e ritorno Un’illustrazione che mostra le fasi lunari, dalla luna piena alla luna nuova e ritorno

Un altro dettaglio da tenere a mente? La luna. A meno che tu non la voglia come protagonista assoluta dei tuoi scatti, cerca di fotografare in una notte di luna nuova. Il bagliore lunare può infatti attenuare la brillantezza di una costellazione.

Scatto con esposizione lunga, con le stelle che riempiono il cielo formando un motivo circolare. In primo piano a sinistra si vedono sei pale eoliche rosse. Scatto con esposizione lunga, con le stelle che riempiono il cielo formando un motivo circolare. In primo piano a sinistra si vedono sei pale eoliche rosse.
SUGGERIMENTO
Oltre alle stelle c’è molto altro da ammirare, anche vicino a te. Scopri come immortalare ogni dettaglio del mondo che ti circonda.

Sfrutta al meglio i tuoi megapixel

La più efficiente delle pianificazioni non basta se non hai l’attrezzatura giusta, ovviamente. Ti serve uno smartphone progettato per scattare alla massima risoluzione possibile. Come il Galaxy S20 Ultra, che porta nella tua tasca un numero impressionante di megapixel.

Sul posto

4
Foto del cielo notturno che mostra gli effetti della lunga esposizione sul lento movimento del cielo. Le stelle sono state fotografate nelle loro orbite attraverso il cielo con una lunga esposizione, dando vita a un effetto scia circolare. In primo piano si vedono dei pini. Foto del cielo notturno che mostra gli effetti della lunga esposizione sul lento movimento del cielo. Le stelle sono state fotografate nelle loro orbite attraverso il cielo con una lunga esposizione, dando vita a un effetto scia circolare. In primo piano si vedono dei pini.
Uno smartphone Galaxy S20. Sul display si vedono le opzioni di salvataggio disponibili, con l’opzione “Salva copie RAW” selezionata. Uno smartphone Galaxy S20. Sul display si vedono le opzioni di salvataggio disponibili, con l’opzione “Salva copie RAW” selezionata.
SUGGERIMENTO
Con Galaxy S20 Ultra, quando si usa la Modalità Pro è semplice fare in modo che tutte le foto vengano salvate in formato RAW. Basta andare a Impostazioni (l’icona dell’ingranaggio) e selezionare “Salva copie RAW”.

Capolavori da condividere

Finalmente arriva il momento di divertirti con l’editing e di postare! Quando scatti, ricorda di salvare le foto come file RAW: puoi certamente modificare anche i JPG e i PNG, ma non c’è niente che si avvicini alle possibilità di editing offerte dal formato RAW.

E ora, fai conoscere al mondo il risultato del tuo duro lavoro! Se vuoi, taggaci sui social media: siamo sempre entusiasti di vedere le opere dei nostri fan.

*Foto scattata con Galaxy S20 Ultra; dettagli quali il bilanciamento del bianco, il contrasto e la luminosità sono stati regolati.

Andiamo in orbita? 

La galassia avrà meno segreti se la guardi attraverso un Galaxy.

Leggi anche queste storie