Benessere

I bambini e il loro primo cellulare:
4 regole da seguire

Come proteggere i bambini dai pericoli online (e intanto creare fiducia).

Illustrazione in stile cartone animato di un bambino che tiene in mano il proprio smartphone con espressione scioccata, alla vista di mamma e babbo che fuoriescono dal display con lente di ingrandimento e binocolo per controllare le sue attività online. Illustrazione in stile cartone animato di un bambino che tiene in mano il proprio smartphone con espressione scioccata, alla vista di mamma e babbo che fuoriescono dal display con lente di ingrandimento e binocolo per controllare le sue attività online.

L’arrivo del primo cellulare è un grande momento per i figli, ma anche per i genitori. I bambini pensano che finalmente avranno un dispositivo del tutto personale per tenersi in contatto con gli amici, socializzare con persone dai pensieri e gusti simili ai loro e anche per studiare. I genitori pensano invece che sia l’inizio di nuove preoccupazioni legate a eccessiva esposizione agli schermi, usi impropri dei social media e benessere digitale complessivo. Per fortuna esiste una realtà intermedia che fa contenti tutti. Con le giuste indicazioni, i genitori possono insegnare le buone abitudini digitali e proteggere i propri bambini dalla maggior parte dei pericoli in agguato online, costruendo allo stesso tempo una relazione di reciproca fiducia. Ecco allora la tua guida.

Un padre parla alla figlia facendo gesti, mentre entrambi sono seduti su un divano grigio. Un padre parla alla figlia facendo gesti, mentre entrambi sono seduti su un divano grigio.
1

Definisci le regole fondamentali

I bambini dovrebbero iniziare a conoscere le sane abitudini online molto prima di ricevere il loro primo smartphone. Inizia presto a parlare di uso responsabile di Internet e parlane spesso, avviando un dialogo continuo nell’infanzia che preceda il primo incontro con il web. Per dare concretezza alle tue spiegazioni, una tattica efficace consiste nel definire una sorta di “contratto” con le regole di comportamento online che tutti i familiari devono rispettare. Discutete di tali regole tutti insieme, poi scrivetele e firmate tutti il “contratto”: aiuterà i bambini a sentirsi più responsabili e farà aumentare la loro propensione a rispettare le regole.

Seduto su una scrivania in un garage, un ragazzino guarda in basso verso il tablet nero che sta usando per navigare in Internet. Seduto su una scrivania in un garage, un ragazzino guarda in basso verso il tablet nero che sta usando per navigare in Internet.
2

Affidati a un mix di software e hardware

Il modo più semplice per tenere sotto controllo il comportamento digitale dei bambini è attraverso il software, gestendo i contenuti che possono visualizzare e la quantità di loro presenza online che puoi vedere tu. Verifica se l’app che intendi usare è protetta da password e/o può essere controllata da un unico dispositivo, fattori che la rendono un po’ meno “a portata di bambini”. Installare filtri famiglia direttamente a livello hardware è un metodo più radicale per bloccare i contenuti inappropriati con un controllo imposto dall’alto. Lo svantaggio di questi controlli hardware sta nell’essere piuttosto invasivi: alcuni, infatti, leggono l’intera cronologia Internet di tutti coloro che si connettono alla rete. Ecco perché molti genitori trovano che la strategia migliore sia un mix tra controlli software e controlli hardware. Un consiglio? Inizia la tua supervisione con un’app e valuta nel tempo se servono restrizioni più rigide, prima di passare ai controlli hardware.

Pratico e affidabile

Prima di scegliere un sistema di filtro famiglia, punta su un dispositivo che sia progettato per tenere al sicuro te e i tuoi cari. Uno smartphone come il Galaxy A51 integra la sicurezza in ogni aspetto del proprio design, tutelando i dati privati sia a livello hardware che attraverso la piattaforma di protezione Knox. In più, la sua batteria a lunga durata e il suo display da 6,7 pollici offrono una navigazione sicura senza bisogno di ricaricare frequentemente.

Un ragazzino guarda lo smartphone Galaxy nero che tiene in mano. È seduto sul letto della sua camera. Un ragazzino guarda lo smartphone Galaxy nero che tiene in mano. È seduto sul letto della sua camera.
Logo di uno scudo che rappresenta Samsung Knox Logo di uno scudo che rappresenta Samsung Knox
Secured by Knox
Scegli un dispositivo dotato di Knox per aggiungere un livello di sicurezza in più alle attività online dei tuoi figli.
3

Crea un accesso su misura

Poiché ogni famiglia è diversa dall’altra, l’approccio migliore in assoluto non esiste. Un esempio: se i tuoi figli faticano ad auto-controllarsi e a rispettare i limiti di tempo passato davanti allo schermo, puoi provare varie app di filtro famiglia che li invoglino a fare delle pause ogni tanto. Se hai figli molto piccoli, per proteggerli dai contenuti problematici è cruciale attivare funzioni di ricerca web sicura e bloccare i siti inappropriati su tutti i dispositivi condivisi. Quando poi i bambini raggiungono l’età giusta per i social media, valuta se e come ampliare i privilegi online.

Un padre e sua figlia siedono fianco a fianco davanti a un divano nero. La figlia sta usando un tablet Galaxy grigio sotto lo sguardo attento del padre. Un padre e sua figlia siedono fianco a fianco davanti a un divano nero. La figlia sta usando un tablet Galaxy grigio sotto lo sguardo attento del padre.
4

Partecipa attivamente

Il coinvolgimento dei genitori è cruciale in tutti gli aspetti dell’educazione dei figli, compreso il rapporto con Internet. Non puoi delegare il compito a un software, qualunque esso sia, perché la chiave di un controllo efficace è riconducibile alla regola aurea di qualsiasi relazione: prestare attenzione e mantenere un dialogo aperto.

Proteggi i tuoi figli, oggi e per il futuro

Aiuta i tuoi bambini a navigare in sicurezza tra le insidie di Internet, scegliendo dispositivi davvero affidabili.

Leggi anche queste storie